Archives

Vivere la ricchezza internazionale della Valsusa, tra sociale, impresa e territorio

Parliamo di autonomia e di inclusione, garantendo il pieno rispetto dei diritti di tutti, per una nuova cultura dell’accoglienza.

 

La serata prevede un’ampia riflessione sulla promozione di soluzioni innovative per l’accoglienza, l’integrazione e l’accompagnamento verso l’età adulta degli stranieri e per contribuire a creare una maggiore consapevolezza sul tema dell’immigrazione, sia nell’opinione pubblica sia tra le istituzioni.

 

Inoltre previsto un focus sulla formazione, la collocazione lavorativa e le possibilità di collaborazione per le aziende e l’imprenditoria.

 

Scarica qui la locandina dell’evento in formato .pdf

 

Vedi qui il comunicato stampa

La Cartella Sociale Harraga presentazione a Palermo

I MINORI MIGRANTI SOLI E LA CARTELLA SOCIALE HARRAGA

 

PRESENTAZIONE DEL RAPPORTO SU UNA BUONA PRATICA IN VISTA DELLA SUA DIFFUSIONE

 

Programma:

 

Ore 16.00 – 17.00

 

La Cartella Sociale Harraga e il Progetto SAAMA: dal modello Palermo alla diffusione su altri territori

 

  • Giuseppe Mattina, Assessore alla Cittadinanza Solidale del Comune di Palermo
  • Pasquale D’Andrea, Garante metropolitano per l’infanzia e l’adolescenza
  • Loriana Cavaleri, SEND, Coordinatrice del Progetto SAAMA
  • Alberto Provenzano, CESIE
  • Introduce e modera: Alessandra Sciurba, CIAI

 

Ore 17.00

 

Coffee Break

 

Ore 17.30 – 18.30

 

Tavola rotonda – Stato dell’arte sull’utilizzo della Cartella Sociale  e sulle condizioni di accoglienza dei minori migranti soli a Palermo.

 

  • Introducono e moderano: Rossana Messina, Comune di Palermo e Angela Maiorana, Cooperativa Libera…mente

 

Ore 18.30

 

Conclusioni

 

L’iniziativa si inserisce nel “Mese dei Diritti” un’iniziativa del Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza del Comune di Palermo per approfondire clicca qui.

 

Saranno disponibili delle copie del Primo Rapporto sulla Cartella Sociale Harraga

 

Per informazioni e iscrizioni: alessandra.sciurba@ciai.it | 091 784 65 54

 

 

SAAMA è finanziato dal bando nazionale Never Alone 2018, “Verso l’autonomia di vita dei minori e giovani stranieri che arrivano in Italia soli”, promosso da Fondazione Cariplo, Compagnia di San Paolo, Fondazione con il Sud, Enel Cuore, Fondazione CRT, Fondazione CRC, Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, Fondazione Monte dei Paschi di Siena, Fondazione Peppino Vismara e J.P. Morgan, nell’ambito di Epim – European Program for Integration and Migration, e Ner Alone – Building our Future  with children and youth arriving in Europe.

 

SAAMA si pone in continuità con il Progetto Ragazzi HarragaProcessi di inclusione sociale per minori migranti non accompagnati nella città di Palermo, finanziato dal primo bando nazionale Never Alone 2016, e mette a frutto, implementandoli e diffondendoli su altri territori, i risultati raggiunti nella città di Palermo grazie a quella esperienza.

 

Scarica qui l’immagine dell’invito

Gli strumenti giuridici a sostegno dei Minori Stranieri Non Accompagnati e dei Neomaggiorenni che versano in condizione di difficoltà

Programma Convegno

 

Ore 9.00 – Registrazione dei partecipanti

 

Ore 9.30 – Saluti di

• Presidente del Tribunale per i Minorenni di Napoli (Patrizia Esposito)

• Procuratrice presso il Tribunale per i Minorenni di Napoli (Maria De Luzenberger)

• Dirigente Centro Giustizia Minorile della Campania (Maria Gemmabella)

• Assessore alle Politiche Sociali, Comune di Napoli (Roberta Gaeta)

• Assessore ai Diritti di Cittadinanza e Coesione sociale, Comune di Napoli (Laura Marmorale)

• Pio Monte della Misericordia (Alessandro Pasca di Magliano)

• CILD – Coalizione Italiana per le Libertà e Diritti civili (Gennaro Santoro)

• Dedalus Cooperativa Sociale (Elena de Filippo)

 

 

I° Panel – ore 10 – 11

“Lo strumento dell’Art. 18 comma 6 del Testo Unico Immigrazione: il supporto giuridico dei msna e dei neomaggiorenni inseriti nel circuito penale”

 

10 – 10.20

Roberta Aria (ASGI) – Genesi ed evoluzione dell’istituto giuridico

10.20 – 10.40

Ornella Riccio (Magistrato di Sorveglianza, Tribunale per i Minorenni di Napoli) – La proposta del magistrato del rilascio del Permesso di soggiorno ex Art. 18 c. 6 T.U. Immigrazione

10.40 – 11.00

DIBATTITO

 

 

II° Panel – ore 11 – 12

“I principali orientamenti giurisprudenziali e dottrinali”

 

11 – 11.20

Claudia De Luca (Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Napoli) – Il ruolo del PM nei procedimenti ex Art. 18 c. 6 T.U. Immigrazione

11.20 – 11.40

Thomas Vladimir Santangelo (Dedalus/ASGI) – Il rapporto tra Art.18 c.6 e misure alternative e messa alla prova

11.40 – 12.00

DIBATTITO

 

 

III° Panel – ore 12 – 13

“La centralità dell’Art. 18 comma 6 del Testo Unico nei processi educativi dei msna e dei neomaggiorenni”

 

 

12 – 12.20

Gianluca Guida (IPM Nisida) – Strategie educative e il valore del titolo di soggiorno nelle prospettive dei msna e dei neomaggiorenni nel circuito penale

12.20 – 12.40

Glauco Iermano (Area Msna, Cooperativa Dedalus) – I programmi di accoglienza ed inclusione dei msna e dei neomaggiorenni ex Art. 18 c. 6 T.U. Immigrazione nelle strutture residenziali e nei Siproimi (già Sprar)

12.40 – 13.00

Comune di Venezia/Progetto N.A.V.E. – Azione sperimentale  Inside Out: collaborazione tra i progetti Antitratta regionali del Veneto e della Campania  nell’ambito dello sfruttamento nelle economie illegali

13.00 – 13.30

Testimonianze dei ragazzi e DIBATTITO

 

 

 

Coordina e modera Salvatore Fachile (ASGI/Dedalus)

 

 

Finalità del Convegno è quella di consolidare i processi di integrazione e collaborazione tra i diversi attori locali che gestiscono e incidono sulle politiche e sugli interventi rivolti ai minori stranieri non accompagnati e dei neomaggiorenni, anche per dare vita a tavoli permanenti di concertazione tra Istituzioni, enti locali, soggetti del privato sociale e dell’associazionismo coinvolti in tale ambito.

 

La proposta tematica affrontata nel Convegno agisce sulle problematiche più urgenti dei MSNA in vista del raggiungimento della maggiore età e quelle dei neo-maggiorenni presi in carico nella minore età.

La disponibilità di un alloggio e la possibilità di ottenere un permesso di soggiorno convertibile in altro tipo di permesso (generalmente per lavoro) al compimento della maggiore età sono presupposti fondamentali per realizzare il percorso di inclusione sociale ed evitare che il giovane straniero cada in condizioni di irregolarità una volta divenuto maggiorenne.

Partendo dall’esperienza che la Dedalus ha costruito in quasi 20 anni di lavoro con i ragazzi migranti (Msna), in una prospettiva mirante a creare condizioni di pari opportunità di accesso ai servizi ed ai diritti, puntando soprattutto a rendere tali condizioni durature e stabili oltre il confine giuridico/anagrafico del diciottesimo anno, si punta a migliorare la loro qualità di vita, in primis consentendo loro di accedere alle stesse opportunità di cittadinanza dei loro coetanei italiani neomaggiorenni.

 

Inoltre la Dedalus, nel corso degli anni, ha sviluppato una importantissima esperienza nel campo dell’applicazione dello strumento di cui all’art. 18, comma 6 del D.lgs. 286/98 (T.U. Immigrazione).

Si tratta di uno strumento normativo eccezionale che ha avuto in Italia scarsa applicazione. Con questa disposizione si attribuisce alla persona straniera che ha commesso ed espiato una pena durante la minore età (anche se divenuta nel frattempo maggiorenne) il diritto a entrare in un programma di protezione sociale, su proposta del magistrato o di una organizzazione autorizzata (come lo è Dedalus). Il legislatore ritiene, in altri termini, che l’aver commesso un reato durante la minore età è di per sé segno di una vulnerabilità sociale a cui dover dare una chance al momento in cui si è espiata la pena. Questo programma di protezione, prevedrebbe la possibilità di essere accompagnati nel processo di apprendimento della lingua, nell’inserimento lavorativo e nell’acquisizione degli strumenti utili all’autonomia, ma soprattutto, si stabilisce il diritto a un permesso di soggiorno per motivi umanitari che è convertibile in un normale permesso di soggiorno alla conclusione (positiva) del programma medesimo. Si tratta, come è evidente, di una grande opportunità data al giovane straniero che in caso contrario non avrebbe alcun modo di proseguire regolarmente nel suo progetto migratorio, dato che l’ordinamento normalmente vieta il rilascio e il rinnovo del permesso a favore di una persona straniera con precedenti penali.

 

Quest’incontro mira inoltre a diffondere e a consolidare un’esperienza concreta, realizzata nel corso degli anni dalla Dedalus, che vede ad oggi la Presa in carico di 4 giovani neomaggiorenni, provenienti da un percorso di risocializzazione avviati all’interno del circuito penale minorile.

Questi giovani (1 ragazza e 3 ragazzi) hanno espiato la propria pena, legata a piccoli reati contro il patrimonio effettuati durante la minore età e causati da una cattiva accoglienza che li ha lasciati soli, senza guida di educatori/esperti del settore e senza un percorso di orientamento e di inclusione adeguato alle peculiarità dello status di Minore Straniero non Accompagnato (Msna).

 

A tal proposito ci proponiamo di intensificare, di rilanciare e promuovere, insieme alla Rete istituzionale degli Enti e Servizi territoriali, gli interventi di recupero e reinserimento socio-culturale e di accompagnamento e supporto dei giovani stranieri neomaggiorenni in situazione di difficoltà, così come già avviato grazie al sostegno di programmi come il Bando Never Alone e iniziative simili.

 

 

Questa iniziativa è realizzata da Cooperativa sociale Dedalus, Asgi e Comune di Napoli, in collaborazione con Tribunale per i Minorenni di Napoli, Procura Minori presso il Tribunale per i Minorenni di Napoli, Centro Giustizia Minorile della Campania, Comune di Venezia, Pio Monte della Misericordia, CILD – Coalizione Italiana per le Libertà e Diritti civili, Open Migration, Antigone, Spazi Circolari, Master “Immigrazione e politiche pubbliche di accoglienza e integrazione” del Dipartimento di Scienze Politiche (DISP) dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.

 

 

Scarica qui il programma in formato .pdf

Scarica qui la locandina dell’evento in formato .pdf

Vedi qui la news correlata all’evento

Never Alone, esperienze rivolte all’autonomia di neomaggiorenni stranieri

L’iniziativa interviene nell’ambito del progetto “Minori e giovani Stranieri Non accompagnati: Azioni di inclusione e autonomia“, selezionato nell’ambito del Bando nazionale 2016 Accoglienza e accompagnamento dei minori e giovani stranieri non accompagnati che arrivano in Italia soli che partecipa a “Never Alone, per un domani possibile.

 

9.00 – Registrazione partecipanti

 

9.30 – Inizio lavori  Saluti delle Autorità

Prof. Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo

Dott. Giuseppe Mattina, Assessore alla Cittadinanza Solidale Comune di Palermo

 

9.45 – Presentazione risultati del progetto “Minori e giovani Stranieri Non accompagnati: Azioni di inclusione e autonomia”

Dott.ssa Mariella Bisesi, Presidente Ass. Apriti Cuore

Dott.ssa Barbara Santagata, Coordinatrice Nazionale Progetto Istituto Don Calabria

 

10.00 – L’Autonomia dei giovani stranieri tra desiderio e realtà

Dott. Pasquale D’Andrea, Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza del Comune di Palermo

 

10.20 – Effetti del Decreto Sicurezza sui percorsi rivolti all’autonomia dei giovani stranieri nella città di Palermo

Avv. Campagna, Presidente Ass. Avvocato di Strada

 

10.40 – La cura psicologica dei giovani stranieri

Dott.ssa Maria Chiara Monti, Centro di etnopsicologia di Palermo

 

11.00 – ESSERE O NON ESSERE: le contraddizioni nei percorsi di autonomia dei giovani migranti all’interno del sistema di accoglienza

Dott.ssa Luciana Carbone, A.S. Unità Organizzativa MSNA

 

 

pausa coffee break

 

 

11.20 – Promuovere l’affido dei minori stranieri non accompagnati. La costruzione della rete e di una metodologia di intervento

Dott.ssa Laura Purpura, A.S. Coordinatore U.O. Affidamento Familiare

 

11.40 – Esperienze condivise a cura di

Dott. Toni Scardamaglia, La Zattera, Laici Comboniani

Dott.ssa Roberta Giunta, Welcome Refugees

 

12.00 – Racconti di vita dei giovani coinvolti

Testimonianze di Ousman, Amadou, Alassane

 

12.30 – Domande

 

13.00 – Chiusura dei lavori

 

 

Modera Alessandra Turrisi, giornalista del Giornale di Sicilia

 

 

In collaborazione con:

Istituto Don Calabria, Associazione Apriti Cuore, Associazione Avvocato di Strada, Comune di Palermo

 

Per informazioni e iscrizioni:

Mariella Bisesi

Mail: info@apriticuore.it

Tel: 091 7654430

 

 

Per scaricare i materiali in formato pdf:

Scarica qui il programma dell’evento in formato .pdf

Scarica qui la cartolina dell’evento in formato .pdf

Scarica qui la locandina dell’evento in formato .pdf

 

Rassegna Stampa:

Articolo su Libertà Sicilia

Comunicato sul sito del Comune di Palermo

 

 

“Sguardi sui Ragazzi Harraga”

Aperitivo solidale in occasione della mostra fotografica itinerante su giovani migranti. Scatti di un reportage fotografico donato a CIAI e realizzato da fotografi volontari di Studio14 di Novara.

 

L’obiettivo della mostra è stato illustrare la vita quotidiana di alcuni beneficiari del progetto Ragazzi Harraga. Raccogliere fondi a sostegno del progetto che in tre anni si prefigge l’inclusione sociale di 400 giovani arrivati soli in Italia (in gran parte da minorenni, diventati maggiorenni in Italia).

 

Ragazzi Harraga, coordinato da CIAI insieme a una rete di partner locali, offre formazione, orientamento e avviamento al lavoro per giovani, anche attraverso tirocini.

 

Per la prenotazione si richiede l’invio di una e-mail al seguente indirizzo: non6solo@ciai.it

 

Per maggiori informazioni visita la Pagina Facebook: @non6solo e il sito web: www.non6solo.it/ragazziharraga/

 

Scarica qui la locandina formato .pdf

 

Di seguito riportiamo anche il comunicato stampa relativo all’evento:

 

Sguardi sui Ragazzi Harraga

 

Sono ragazzi che hanno rischiato tutto per costruirsi una nuova vita. Ragazzi che giocano a calcio in un cortile. Giovani pensierosi, in ascolto. Sorrisi e sguardi divertiti intorno a una pentola in cui stanno cuocendo gli spaghetti. Scene di vita quotidiana, momenti all’apparenza anonimi ma resi unici dai protagonisti: ragazzi che ce l’hanno fatta, dopo aver attraversato il deserto e il mare.
Oggi sono in Italia, vivi.

 

Le immagini di questi ragazzi, realizzate dai fotografi dello Studio14 di Novara, saranno esposte il 10 maggio a Torino, presso Housing Giulia (dalle ore 18). La mostra itinerante, che ha già toccato alcune città italiane, presenta una serie fotografie scattate a Palermo dove arrivano ogni giorno centinaia di migranti soli. Un reportage intenso ed emozionante: i fotografi hanno voluto donare a CIAI le immagini per promuovere il progetto e sensibilizzare sul tema delle possibili accoglienze di minori stranieri soli.
Durante la mostra sarà possibile partecipare a un aperitivo solidale a sostegno del progetto che si propone di orientare e avviare al lavoro, attraverso tirocini, i giovani beneficiari.

 

Il progetto. “Ragazzi Harraga” in arabo significa “colui che brucia”, perché bruciano le frontiere. I minori stranieri non accompagnati (MSNA) sono i soggetti più fragili nel contesto dell’immigrazione: rischiano tutto pur di migrare alla ricerca di una vita migliore, lontani da guerre, fame, maltrattamenti, sfruttamento e prigionia. Ragazzi Harraga dà il nome al progetto di CIAI a favore di 400 minorenni migranti soli, bisognosi di ascolto e aiuto, di una casa, di formazione e avviamento al lavoro.

Save the Children presenta il nuovo Atlante sui minori stranieri non accompagnati

A un anno dal Forum nazionale “Proteggere, accogliere, crescere insieme. L’attuazione della nuova legge per minori stranieri soli”, Save the Children presenta il nuovo Atlante sui minori stranieri non accompagnati.

 

L’incontro di terrà giovedì 14 giugno, a partire dalle ore 10, presso l’Ufficio d’Informazione del Parlamento europeo, Sala Conferenze di Palazzo delle Stelline, in corso Magenta 59 a Milano.

 

Attraverso dati ed esperienze, sarà illustrata la via italiana all’integrazione, costruita su tanta buone pratiche locali, ma che ancora sconta le criticità di un sistema che non riesce a dare risposte adeguate a ragazzi e ragazze durante il loro cammino per diventare adulti.

 

L’incontro, che si colloca all’interno degli eventi promosso dal Comune di Milano “Insieme senza muri” e che ha ottenuto il patrocinio dell’iniziativa “Never Alone, per un domani possibile”, sarà anche l’occasione per fare il punto sull’implementazione della Legge 47 del 2017 per la protezione dei minori stranieri non accompagnati.

 

Informazioni e iscrizioni: advocacy.italia@savethechildren.org

Una mano per diventare grandi – Palermo

L’Associazione Apriti Cuore organizza a Palermo l’inaugurazione di un appartamento destinato ad alcuni beneficiari del progetto Minori e giovani Stranieri Non Accompagnati: azioni di inclusione e autonomia. L’appartamento, che si trova al quarto piano di Via Emilia 65, è un bene confiscato alla mafia.

 

Prendono parte all’inaugurazione Leoluca Orlando (Sindaco del Comune di Palermo), Mariella Bisesi (Presidente dell’Associazione Apriti Cuore), Pasquale D’Andrea (Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza del Comune di Palermo) e alcuni rappresentanti dei Servizi Sociali del Comune di Palermo.

 

Un evento importante che celebra l’utilizzo di un bene confiscato alla mafia a fini sociali: l’accompagnamento di un gruppo di neo-maggiorenni stranieri che si trovano soli in Italia verso la propria autonomia abitativa, lavorativa, economica e sociale.

 

Per saperne di più: pagina Facebook dell’Associazione Apriti Cuore

Inaugurazione dell’appartamento dell’Associazione Apriti Cuore: la locandina dell’evento

Inaugurazione Centro CivicoZero – Catania

Save the Children inaugura a Catania il Centro CivicoZero per la protezione dei minori stranieri non accompagnati, il quarto avviato in Italia dopo Roma, Milano e Torino.

 

I Centri nascono per fornire supporto, orientamento e protezione ai minori migranti e neo-maggiorenni che si trovano, o rischiano di trovarsi, in situazioni di marginalità sociale, devianza, sfruttamento e abuso, al fine di contribuire al miglioramento delle loro condizioni di vita e al rispetto dei loro diritti.

 

In particolare, nei Centri viene garantita la mediazione culturale e sociale e vengono svolte attività di informativa e consulenza legale e socio-sanitaria, attività formative e di integrazione sociale, come alfabetizzazione, orientamento alla formazione e alla ricerca del lavoro ed erogazione di borse di studio e lavoro. Nella struttura vengono inoltre proposte attività culturali, artistiche, creative e ricreative.

 

Nei prossimi mesi il Centro CivicoZero di Catania ospiterà le attività previste sul territorio nell’ambito del progetto Together.

 

L’inaugurazione della struttura, a partire dalle ore 10.00, vede la partecipazione di: Valerio Neri (Direttore di Save the Children), Silvana Riccio (Prefetto di Catania), Fortunato Parisi (Assessore al Welfare del Comune di Catania), Luigi Bordonaro (Garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione Siciliana), Maria Francesca Pricoco (Presidente del Tribunale per i minorenni di Catania), Maria Cristina Negro (Project Manager “Never Alone, per un domani possibile”).

 

Appuntamento a Catania, in Via Gorizia n. 32.

Inaugurazione del Centro CivicoZero di Cataniail programma dell’inaugurazione

L’accoglienza in famiglia dei neo-maggiorenni – Roma

La Casa delle Letterature di Roma ospita la conferenza stampa di presentazione del video di sensibilizzazione per l’accoglienza in famiglia dei neo-maggiorenni, curato Refugees Welcome Italia nell’ambito del progetto Mai più soli.

 

A presentare il documento, Fabiana Musicco (Presidente Refugees Welcome Italia) e Angela Giallorenzi (Cidis Onlus – Coordinatrice del progetto Mai più soli).

 

La campagna è rivolta ai cittadini delle Regioni Calabria, Campania, Lazio, Umbria e Veneto che desiderano aprire le porte della propria casa ai ragazzi stranieri entrati nella maggiore età. Per tutto il periodo di accoglienza in famiglia viene garantito un accompagnamento da parte degli operatori del progetto.

 

Le informazioni per l’adesione sono disponibili sul sito di Refugeees Welcome Italia.

 

Per saperne di più: Un ragazzo, una famiglia

Conferenza stampa del progetto “Mai più soli”

Conferenza stampa di presentazione del progetto Mai più soli e delle attività previste in Calabria.

 

Partecipano all’evento: Marisa Chiurco (Assessore alle Politiche Sociali di Corigliano Calabro), il Prefetto di Cosenza, il Vescovo di Rossano, il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Debora Larocca (Referente Territoriale Cidis Onlus), il Presidente del Tribunale dei Minori e un rappresentante dell’ASGI.

 

Conferenza stampa di presentazione del progetto “Mai più soli”il Comunicato Stampa dell’evento