XXIII Rapporto ISMU: Fondazione Cariplo premia il coraggio dei tutori

Condividi

In occasione della presentazione del XXIII Rapporto ISMU sulle migrazioni 2107, Fondazione Cariplo ha premiato Roberta Lo Bianco, una delle prime persone in Italia a prendersi la responsabilità di diventare tutore volontario di minori stranieri non accompagnati. A Palermo, Roberta è anche uno dei volti di Cesie, partner di CIAI nell’ambito del progetto Ragazzi Harraga. 

 

Presentato oggi (martedì 5 dicembre 2017) a Milano, presso il Centro Congressi Fondazione Cariplo, il XXIII Rapporto ISMU sulle migrazioni 2107: dati e analisi per studiare la trasformazione della società ed elaborare e diffondere una corretta cultura delle migrazioni.

 

Tra i temi affrontati durante i lavori anche quello relativo ai minori stranieri non accompagnati. I dati evidenziano un aumento nel triennio 2014-2017: al 31 dicembre del 2015 erano presenti 12mila minori non accompagnati, ma al 31 ottobre di quest’anno si contavano 18.479 giovani ospitati presso famiglie e strutture di accoglienza su tutto il territorio nazionale, di cui il 43,5% nella sola Sicilia, principale regione di sbarco. Di questi 17.210 sono maschi (93,1%) e 1.269 femmine (6,9%). Il 93% ha un’età compresa tra i 15 e i 17 anni, mentre solo lo 0,6% ha un’età compresa tra gli 0-6 anni.

 

Connessi al tema dei minori soli, i premi ISMU 2017. Due riconoscimenti, in collaborazione con Fondazione Bracco, hanno premiato la Cooperativa Nazareth di Cremona e la Fondazione ASVI (progetto “Cucinare per Ricominciare”). Un terzo è stato assegnato da Fondazione Cariplo a Roberta Lo Bianco.

 

34 anni, palermitana, Roberta Lo Bianco è stata una delle prime persone in Italia a essere nominata, a giugno, tutore volontario di minori stranieri non accompagnati, una figura introdotta dalle Legge n. 47 del 7 aprile 2017.

 

«Dopo la formazione e la nomina – ha spiegato Roberta – ho seguito tre adolescenti: un diciassettenne originario della Nigeria e un quindicenne della Guinea Conakry che vivono in una comunità di accoglienza a Palermo, oltre che un ragazzo di 17 anni del Gambia che nel frattempo è stato preso in affido da una famiglia».

 

 

Essere tutore non implica la presa in carico domiciliare né quella economica: il tutore volontario svolge compiti di rappresentanza legale, persegue il riconoscimento dei diritti del minore, promuove il suo benessere psico-fisico, lo sostiene e lo consiglia nel suo percorso di integrazione ed educazione, tenendo conto delle sue capacità, inclinazioni naturali e aspirazioni. Una figura importante di riferimento che garantisce a un minore non accompagnato i suoi diritti legali, civili e umani.

 

In questi mesi Roberta si è presa la responsabilità di assistere i ragazzi nelle pratiche burocratiche e legali che riguardano sia il soggiorno in Italia, sia la formazione scolastica, indirizzandoli verso opportunità formative, sportive e di socializzazione.

 

«Ognuno dei tre ragazzi che seguo ha una personalità ben definita: il piccolo è più aperto, i grandi più riservati. Ogni relazione è unica, ma con tutti ho un rapporto molto stretto: ci sentiamo quasi ogni giorno al telefono, ci vediamo a casa mia ogni domenica per pranzare tutti insieme, insieme alla  famiglia e agli amici, e quando hanno un problema si rivolgono a me per chiedere un consiglio. Per questi ragazzi avere una persona di riferimento fa la differenza e per noi tutori è un grande arricchimento, di affettività e di nuovi spunti di riflessione. Due aspetti che toccano me in particolare, ma anche la mia famiglia: ho una bambina di cinque anni e mi piace pensare che stia crescendo in una dimensione di multiculturalità».

 

A Palermo, Roberta è anche uno dei tanti volti di Cesie: la realtà, che si occupa anche di inclusione sociale, è partner di CIAI nel progetto Ragazzi Harraga, sostenuto nell’ambito del Bando nazionale Never Alone 2016.

 

«Roberta Lo Bianco viene premiata perché è stata tra le prime persone in Italia a prendersi la responsabilità di diventare tutore di minori stranieri non accompagnati – ha spiegato Maria Cristina Negro (Fondazione Cariplo) –: una scelta coraggiosa, che le fa onore e che si spera venga condivisa da tanti altri italiani. Il riconoscimento è un viaggio di tre giorni a Berlino in visita ad alcune organizzazioni che da anni lavorano sul tema dei minori stranieri non accompagnati e con i tutori volontari. Speriamo che il premio che oggi riceve possa aiutarla in questo ambizioso percorso».

 

XXIII Rapporto sulle migrazioni 2017: i dati della Fondazione Ismu

Per saperne di piùwww.ismu.org

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *