Quando i giovani stranieri diventano libri viventi

Condividi

Nelle scorse settimane Verona e Ferrara hanno accolto i giovani stranieri e le loro storie di vita in due eventi di Biblioteca Vivente promossi nell’ambito del progetto “Minori e giovani Stranieri Non accompagnati: azioni di inclusione e autonomia”.

 

Bibliotecari, sala lettura con sedie e tavoli per la consultazione e un catalogo di titoli originali: Una lunga prigionia, La mia nuova vita in Italia, Il mio paese è bellissimo, Il desiderio del ritorno. La Biblioteca Vivente ha tutto l’occorrente per una buona lettura, fatta eccezione per la carta: qui i volumi si “sfogliano” ascoltando le storie di persone in carne e ossa.

 

La Biblioteca Vivente è un metodo innovativo, semplice e concreto per promuovere il dialogo, ridurre i pregiudizi, rompere gli stereotipi e favorire la comprensione tra persone diverse per età, sesso, stile di vita e background culturale. Nell’ambito del progetto Minori e giovani Stranieri Non accompagnati: azioni di inclusione e autonomia, l’Istituto Don Calabria e l’Associazione Agevolando hanno portato quest’esperienza in due grandi città: nelle scorse settimane è toccato a Verona e Ferrara accogliere i giovani stranieri e le loro storie di vita.

 

Alaji, Mohamed, Abdikadir, Christogonus, Shueb, Fode, Boubkar, Jamaldeen, Alieu sono alcuni dei giovani che hanno incontrato la cittadinanza veronese e ferrarese: gli scambi hanno promosso il dialogo e l’ascolto, con l’obiettivo di valorizzare le differenze, de-costruire gli stereotipi e favorire una convivenza basata sulla conoscenza e il rispetto della diversità.

 

Negli eventi di Biblioteca Vivente, i “libri viventi” vengono “presi in prestito” per la conversazione: mettendo a disposizione del lettore le proprie esperienze di vita, i giovani migranti smettono di essere considerati parti di una categoria generalizzata e vengono riconosciuti come rappresentanti unici della propria storia. A Verona e Ferrara, dopo i primi minuti di timore e imbarazzo, è emersa forte la voglia di raccontarsi dei giovani: i lettori hanno risposto con sorrisi eloquenti ed empatici, che non nascondevano stupore e commozione per le esperienze, i sogni e i progetti di vita dei ragazzi.

 

Chi sono gli autori e quali i titoli proposti? Eccone alcuni:

Alaji, Una lunga prigionia

Mohamed, Una svolta inaspettata

Abdikadir, La ricerca della mia libertà

Christogonus, La mia nuova vita in Italia

Shueb, Il mio paese è bellissimo

Fode, Il desiderio del ritorno

Boubkar, La mia vita in Italia

Jamaldeen, Il mio sorriso

Alieu, Un lungo viaggio

 

Biblioteca Vivente a Verona: l’evento veneto

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *