Nove fondazioni insieme per favorire l’autonomia e l’inclusione dei giovani migranti sul territorio italiano, garantendo il pieno rispetto dei diritti dei minori

 

Un’iniziativa sul territorio italiano dedicata ai minori stranieri non accompagnati, per la loro accoglienza e integrazione.

 

Fondazione Cariplo, Compagnia di San Paolo, Fondazione CON IL SUD, Enel Cuore, Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, Fondazione Monte dei Paschi di Siena e Fondazione Peppino Vismara hanno unito gli sforzi nell’iniziativa Never Alone, per un domani possibile, che promuove in Italia una serie di azioni volte a favorire l’autonomia e l’inclusione dei giovani migranti e a costruire una nuova cultura dell’accoglienza.

 

Al centro di questa collaborazione, la volontà di promuovere soluzioni innovative per l’accoglienza, l’integrazione e l’accompagnamento verso l’età adulta degli stranieri e per contribuire a creare una maggiore consapevolezza sul tema, sia nell’opinione pubblica sia tra le istituzioni nazionali ed europee.

 

Il contesto

 

Per minori stranieri non accompagnati si intendono i minorenni che si trovano in Italia soli, privi di assistenza e rappresentanza da parte dei genitori o di altri adulti per loro legalmente responsabili.

 

L’Italia resta uno dei principali Paesi di ingresso e transito di minori stranieri non accompagnati. Nonostante siano diminuiti i migranti in arrivo via mare (sono stati soltanto 23.370 nel 2018, di cui 3.536 minori non accompagnati), la percentuale dei minori non accompagnati è aumentata, arrivando al 15%, la più alta rilevata dal 2014.

 

Secondo i dati del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali[1] i minori stranieri non accompagnati presenti in Italia al 31 dicembre 2018 erano ancora 10.787, quasi il doppio di quelli presenti a fine 2011. Sono in prevalenza di genere maschile (93%) e per la maggior parte originari dell’Albania (14,4%), dell’Egitto (8,6%) e del Gambia (8,3%). Circa 10.000 (pari al 93%) hanno tra i 15 e i 17 anni; sono quindi adolescenti che presentano specifiche esigenze connesse anche alla delicata fase di transizione verso la maggiore età. Il numero dei minori non accompagnati ospitati nelle diverse regioni italiane vede prevalere non più solo le zone interessate dagli sbarchi: circa 4.100 (pari al 38%) sono in Sicilia, ma seguita da Lombardia, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Lazio con oltre 700 presenti. I minori non accompagnati che risultano irreperibili sono ancora più di 5.000.

 

La situazione italiana si inserisce in un quadro europeo complesso e mutevole: lo sviluppo di efficaci percorsi di inclusione dei minori stranieri non accompagnati è una sfida che va oltre le frontiere nazionali e richiede risposte a livello europeo.

 

Never Alone, per un domani possibile si inserisce nel programma europeo EPIM – European Programme on Integration and Migration, un’iniziativa congiunta di diverse fondazioni europee nata per promuovere progetti con lo stesso obiettivo in Italia, Grecia, Germania e Belgio, che ha mobilitato risorse per oltre 6 milioni di euro. I risultati vengono rilevati, validati e diffusi attraverso un sistema di monitoraggio attivo a livello nazionale ed europeo che consente l’individuazione delle migliori pratiche implementate e promuove la loro messa in rete a beneficio di tutti i Paesi e i territori impegnati nell’accoglienza dei giovani stranieri.

 

[1] Dati Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali: http://www.lavoro.gov.it/temi-e-priorita/immigrazione/focus-on/minori-stranieri/Pagine/Dati-minori-stranieri-non-accompagnati.aspx